Lo scorso 12 Maggio, è stata inaugurata a Roma una Mostra Collettiva Internazionale di “Arte e Design” ideata organizzata e condotta da Tatèv Hakobyan Presidente dell’Associazione culturale Matrioska e dalla Signora Tatiana Nogailic Presidente di Assomoldave.

All’evento hanno partecipato un cospicuo numero di persone, tra le quali anche una parte della Comunità Moldava presente a Roma.

Da segnalare la presenza della pittrice internazionale Ester Campese, che durante la serata ha esposto “The Sunrise’s Trip”, opera vincitrice di un concorso d’arte moderna a Barcellona.

Altre tele esposte quelle delle pittrici Elena Musuc, Daniela Negretti, Ana Maria Campus, Laura Pogosyan, Liza Atzori, Loredana Giannuzzi, Olga Silivanchyk, Susana Rebeggiani, Tereza Sargsyan e della Signora di casa Tatèv Hakobyan.

Durante l’evento è stato possibile ammirare le creazioni di abiti delle stiliste moldave Elena Musuc e Nadya Gudumak; modelle per la serata le connazionali Lebada Lilia, Nadia Plamadeala, Anna Muntean, Tanya Onofrei, Ana Cranga, Vika Luchianova, Makeup di Tanya Onofrei, presentatrice Olga Adespea, fotografa ufficiale la moldava Nina Spoitoru, allieva del fotografo Stefano Romano al quale vanno i ringraziamenti per aver saputo insegnarle l’arte della fotografia e l’amore verso il bello! Altre partecipazioni, Nina Capatina con i suoi lavori manuali, il cantante Aurel Margineanu,

fiori e decorazioni della Compagnia Sky FloraService.

—————————————————–
Da sottolineare il gesto elegante dell’Associazione Assomoldave che ha voluto regalare alla Signora Tatèv Hakobyan Presidente dell’Associazione culturale Matrioska, una bottiglia di vino “Casa Mare” come simbolo delle radici e dell’usanza moldava; difatti un detto dice che non cè casa in Moldova dove non ci sia una stanza particolare, detta “CASA MARE”.

Viene utilizzata ancora oggi durante le feste per ospitare una persone di riguardo. Una volta le ragazze vi si riunivano a turno nei fine settimana a SEZATOARE (si legge “shesatoare”- sedute), e intonando canzoni facevano a mano la loro ZESTRE-DOTE.
E’ il luogo più sacro della casa moldava
dove vi si raccolgono ricordi, oggetti preziosi, e i simboli dei valori morali della famiglia e della società.